Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



Storia di San Francisco

Storia di San Francisco

Le prime spedizioni europee in California risalgono attorno al 1530. Attirati per lo più da dicerie e leggende circa popolazioni dotati di grandi quantità di oro e di perle, diverse spedizioni si susseguirono febbrilmente. Ma solamente nel 1579 il corsaro inglese Francis Drake approdò per primo molto vicino alla baia di San Francisco. Non è chiaro il motivo per il quale la baia di San Francisco venne lasciata senza colonie e praticamente inesplorata fino al XVII secolo. Dopo tutto si tratta comunque di una zona molto adatta alla costruzione di porte ed avrebbe facilmente ospitato ricche colonie. Ad ogni modo solo nel XVII secolo da alcuni missionari spagnoli (che la chiamarono appunto baia di San Francisco) vi insediarono il primo villaggio, costruirono la prima chiesa (ovviamente consacrata a San Francesco d’Assisi) e la prima fortificazione.

La missione di San Francesco d'Assisi a San Francisco

La missione di San Francesco d’Assisi a San Francisco

Per oltre un secolo San Francisco rimane poco più di un piccolo villaggio di pescatori. La sua posizione era geograficamente piuttosto privilegiata, ma lontana dalle ricche rotte commerciali europee. Nel 1848 un certo John Marshall trova, a circa 220 km di distanza dalla città una pepita d’oro e la consegna al suo capo, lo svizzero Hohn Sutter. Per alcune settimane la notizia rimane segreta ma poi la voce della scoperta di una vena aurea a cielo aperto si sparge. E’ l’inizio della corsa all’oro. Pionieri ed avventurieri ma anche commercianti, perditempo e delinquenti accorrono in città da ogni parte del mondo in cerca di fortuna. In soli due anni la città passa da circa 1.000 anime a oltre 25.000.

Dieci anni dopo la vena aurifera è esaurita ma nei dintorni si scoprono nuove miniere di argento che danno nuova linfa e nuovo slancio alla città.

San Francisco nel 1860

San Francisco nel 1860

Con il passare del tempo la città perde pian piano la caratterizzazione di porto di mare per avventurieri e si trasforma, si modernizzare. Nascono banche, negozi ed uffici e la popolazione continua lentamente ma costantemente a crescere.

Nel 1906 un terremoto devasta completamente San Francisco. La città venne distrutta sia dalla scossa sismica sia dall’enorme incendio che ne conseguì. I soccorsi, per evitare che il fuoco divampasse, furono costretti ad abbattere essi stessi diversi edifici. Alla fine circa 28.000 edifici (4/5 dell’intera città) andarono distrutti.

La città venne ben presto ricostruita con più moderni crismi architettonici ed urbanistici. La rinascita di San Francisco fu in effetti estremamente rapida; basti pensare che già l’anno successivo ben 6000 edifici tra case, scuole ed edifici pubblici erano sorti dal nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *