Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



La prima guerra Mondiale a Londra

La prima guerra Mondiale a Londra

Alla Regina Vittoria succedette nel 1901 il figlio Edoardo VII che, ormai sessantenne, regnò fino solo fino al 1910.

La Londra dei primi del 900 stava rapidamente diventando una capitale moderna, i primi autobus a motore presero servizio nel 1904 sostituendo tutte le carrozze a cavallo nel giro di soli sette anni. Numerosi alberghi di lusso e grandi magazzini vennero costruiti un po’ ovunque.

 

La vita di Edoardo VII fù alquanto dissoluta; morì nel 1910 ed il suo posto venne preso dal figlio incoronato Re con il nome di Giorgio V.

Re Edoardo VII

Re Edoardo VII

Giorgio V fù un re amato dalle folle popolari; numerose furono le leggi promulgate in favore dei meno abbienti. Nel 1917, Giorgio V rinunciò ai titoli nobiliari tedeschi ed il suo casato prese il nome di Windsor, ancor oggi regnanti. Il suo comporatmente , durante la prima guerra mondiale fu alquanto energico e risoluto.

Re Giorgio V

Re Giorgio V

Il Primo conflitto mondiale, tutto sommato, fece pochi danni a Londra. Nel 1914 cadde la prima bomba Zeppelin causando 39 vittime ed i bombardamenti successivi causarono circa 650 vittime civili (la metà del totale nazionale). Ovviamente le perdite militari furono enormemente superiori.

Terminato il conflitto, nel 1918 la popolazione londinese riprese a crescere raggiungendo, nel 1921, il ragguardevole numero di 7 milioni e mezzo. Alla fine degli anni 20 la crisi economica mondiale, si fece sentire anche in Inghilterra ed a Londra, che ormai da tempo traeva dalla finanza la maggior parte dei profitti, in maniera particolare. Gli anni successivi la miserie imperversava nei bassifondi e la politica stentava a riprendere le redini della situazione.

Edoardo VIII, che intanto era divenuto re, abdicò nel 1936 per sposare una donna americana. Ful probabilmente il primo scandalo a corte. Gli succedette il fratello Giorgio VI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *