Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



La religione a Dubai

La religione a Dubai

La principale religione di  Dubai e degli interi Emirati Arabi Uniti è l’Islam. Tuttavia, a differenza di molti altri stati della regione medio orientale, le altre religioni sono ben tollerate ed abbastanza praticate. D’altra parte la popolazione degli Emirati Arabi Uniti è estremamente eterogenea, cosa che non potrebbe in nessun caso essere vera senza una ampia libertà di credo. La maggior parte degli abitanti è sunnita ma si possono trovare anche sciiti ed ibaditi.

 

Una moschea, luogo di culto islamico

Una moschea, luogo di culto islamico

La religione ed il comportamento da tenere

E’ bene porre attenzione che la religione islamica permea profondamente la cultura ed il comportamento degli abitanti anche quelli più aperti. Sebbene, ad esempio negli Emirati Arabi Uniti si trovino sia chiese cristiane che templi Hindu, ai non fedeli non è consentito entrare nelle moschee.

Analogamente sebbene gli abitanti di Dubai siano abituati a vedere turisti di tutti i tipi è bene seguire alcuni semplici consigli se non altro per evitare di indisporre gli ospiti.

  • Non vestirsi in maniera troppo succinta, lasciando scoperte ampie parti del corpo. Questo vale sia per le donne che per gli uomini
  • Le donne non dovrebbero viaggiare o spostarsi da sole. Esistono in questa questione diversi luoghi comuni. Da un lato molti europei sono portati a pensare che le donne islamiche siano tutte represse e sottomesse, dall’altro gli islamici sono portati a pensare che le donne occidentali siano tutte libertine e di facili costumi. Come è possibile intuire non è vera ne una cosa ne l’altra.
  • E’ molto difficile trovare carne di maiale (proibita dalla religione) e tutta la carne può essere consumata solo se macellata in modo tale da far uscire tutto il sangue. Per questa ragione l’aspetto della carne è più chiaro di quello che siamo abituati a vedere nel mondo occidentale.
  • In generale è proibita l’importazione di materiale che potrebbe essere considerato offensivo per la morale islamica (anche audio, video, libri e giornali se considerati blasfemi)
  • Moltissime donne usano ancora l’abito tradizionale, un mantello nero chiamato abaya. Spesso attorno alla testa avvolgono una sciarpa nera chiamata shayla. Nelle zone più rurali viene ancora indossato il burqa che le copre interamente lasciando liberi solo gli occhi.
Ragazza con il vestito tradizionale

Ragazza con il vestito tradizionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *