Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



Getty Center

Getty Center

Il Getty Center (www.getty.edu) è la sede principale del J. Paul Getty Museum e di uno dei centri di culturali più importanti al mondo. Si trova a Los Angeles al 1200 del Getty Center Drive, in cima ad una bella collina.

Nel 1953, il petroliere americano J. Paul Getty crea un piccolo museo privato, in verità senza grosse pretese, nel suo Ranch in California. In seguito, affezzionatosi all’idea, fa costruire una sontuosa villa romana a Malibù nella quale il museo e la sua collezione trovano posto tra il 1974 ed il 1997. Nel 1976 J. Paul Getty muore lasciando in dono alla fondazione la bellezza di 1,3 miliardi di dollari per continuare il suo lavoro. L’ingente somma è servita innanzitutto per creare la nuova e bellissima sede (il Getty Center appunto), ma soprattutto per acquistare opere d’arte da ogni parte del mondo. In quegli anni l’ingente somma di denaro che il centro amministrava, fece molto scalpore in quanto permetteva di acquistare opere d’arte praticamente inestimabili, facendo, di fatto, aumentare il valore delle opere stesse. Il risultato delle campagne di acquisto è però notevole e può essere ammirato all’interno ed all’esterno del museo.

 

 

 

Vista dall'alto del Getty Center

Vista dall’alto del Getty Center

Su una superficie complessiva di 87.000 metri quadrati il Getty Center è stato progettato dall’architetto Richard Meier. L’edificio principale è costituito da 4 padiglioni disposti secondo i punti cardinali e da un quindto destinato alle mostre temporanee. Il passaggio tra i diversi padiglioni, non sempre chiaramente visibili, è un insieme di giardini, passerelle a cielo aperto e non, corridoi vetrati, tali da spezzare la monotonia della visita con viste architetturali sorprendenti.

Vista del Getty Center

Vista del Getty Center

Il primo piano di ogni padiglione ospita, in genere, opere delle arti figurative diverse dalla pittura. Dall’arte decorativa francese alla fotografia, dalle statue graco romane ai manoscritti medievali.

Al secondo piano invece trova posto la pittura. Tanto per avere qualche idea dei capolavori che si trovano è possibile citare L’Incoronazione della Vergine di Gentile da Fabriano, Natura Morta con Mele di Cezanne, Iris di Van Gogh, Le Rue Monsieur di Manet, Passeggiata di Renoir, Maddalena Penitente di Tiziano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *