Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



Cascate del Niagara

Cascate del Niagara

Situate nel nord est dagli Stati Uniti a confine con il Canada, le Cascate del Niagara rappresentano probabilmente uno degli spettacoli naturali più belli al mondo.
La città di Niagara Falls si trova a circa 600 chilometri da New York per cui se intendete fare base a New York per fare una “scampagnata” sulle cascate, sarebbe opportuno valutare l’idea di trascorrere una notte a Niagara Falls oppure a Buffalo che dista solo mezz’ora. Potete arrivarci facilmente sia prendendo una macchina a noleggio che utilizzando uno dei tanti tour organizzati in aereo od in pulman.

 

La fama delle Cascate del Niagara non è legata alla loro altezza (52 metri) ma alla spettacolarità dell’imponente portata d’acqua del fiume, stimata a 168 mila metri cubi al minuto. Il salto di una così gran quantità d’acqua alza costantemente notte e giorno una nube di vapore e provoca un fragore che sono spettacolari quanto le cascate stesse.

Le Cascate del Niagara sono in effetti tre distinte originate dallo stesso fiume Niagara. La prima, più ampia e spettacolare, si trova in territorio canadese ed è denominata Horseshoue a causa della sua forma a ferro di cavallo. La seconda, denominata american fall, è sostanzialmente diritta. La terza è una piccola cascatella denominata “Velo Nuziale” che si trova alla destra della american fall.

Una vista delle cascate del Niagara. Da sinistra verso destra: la american Fall, il Velo Nuziale e la cascata a ferro di cavallo.

Una vista delle cascate del Niagara. Da sinistra verso destra: la american Fall, il Velo Nuziale e la cascata a ferro di cavallo.

Le Cascate del Niagara possono essere visitate praticamente da tutti i punti di vista e le posizioni. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Tentiamo di dare alcune indicazioni.

Il lato canadese

La riva del fiume Niagara è costeggiata sia prima che dopo la cascata a ferro di cavallo da una banchina che rappresenta un punto di vista privilegiato. Da questo lato è possibile vedere anche le cascate americane che si trovano però nell’altro versante. A poche centinaia di metri dalla cascata trova posto la Skylon Tower. Si tratta di una torre panoramica che dall’altro dei suoi 200 metri, offre un punto di vista mozzafiato. In cima alla torre trova posto una piattaforma con un elegante ristorante. Lungo tutto il lato canadese dall’imbrunire a mezzanotte sono accese delle luci artificiali che consentono una suggestiva vista delle cascate.

Una vista delle della Cascata a ferro di cavallo dal lato canadese.

Una vista delle della Cascata a ferro di cavallo dal lato canadese.

Il lato americano

Anche qui una banchina consente un’ottima visione della cascata americana. Da questo punto però la visibilità della cascata canadese è un po’ più limitata. E’ possibile salire su una torre panoramica per vedere le cascate dall’alto. Lungo il lato americano sono degni di nota la Grotta dei Venti (un sentiero che consente di scendere a piedi fino alla base della cascata del Velo Nuziale) e le visite organizzate in mongolfiera che, a pagamento, consentono di vedere le Cascate del Niagara da un punto di vista unico.

Altre attrazioni

Il mezzo più utilizzato e famoso per vedere le cascate è comunque il Maid of the Mist. Si tratta di una serie di battelli che partono alternativamente sia dal lato canadese che da quello americano che portano i visitatori a sfiorare il centro della cascata a ferro di cavallo. Si tratta di uno spettacolo moto suggestivo da non perdere in quanto il turista si trova circondato su tre lati dalle imponenti cascate.

Curiosità sulle cascate del Niagara

Nel 1929 Sam Patrik saltò dalla cascata a ferro di cavallo. Fu il primo uomo, di cui si abbia notizia, a sopravvivere a tale impresa. Il suo gesto negli anni fu copiato ed imitato da molti, spesso pazzi tentativi che finirono a volte con esiti letali. Altre volte le cadute sono state causate da incidenti come nel 1960 quando un bambino di 6 anni caduto in acqua da una barca, sopravvisse al salto dalla cascata a ferro di cavallo. Non si hanno invece notizie di persone sopravvissute a cadute dalle altre due cascate. In quel punto infatti il fondo è molto meno fondo ed è maggiormente frastagliato da spuntoni di roccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *