Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



Il 600 a Londra

Il 600 a Londra

Elisabetta I Tudor morì nel 1603 senza però lasciare eredi diretti permettendo così la successione al cugino Giacomo VI di Scozia del casato degli Stuart. Incoronato con il nome di Giacomo I d’Inghilterra, non fece molto per migliorare le condizioni dei cattolici ormai perseguitati un po’ ovunque.

Durante il regno di Giacomo I, che si concluse con la sua morte nel 1625, cominciarono a manifestarsi i primi dissidi tra la monarchia ed il parlamento. Tanto per fare un esempio Giacomo I, non contento degli introiti delle sue casse, ebbe l’ardire di emanare delle nuove tasse senza il permesso del parlamento e la cosa, per ovvie ragioni politiche, non poteva rimanere senza conseguenze.

I contrasti tra parlamento Corona erano ormai insanabili quando Carlo I succedette al padre tanto che, con un atto unilaterale da parte di Carlo I, il Parlamento venne sciolto. Il re tentò anche di far arrestare alcuni suoi oppositori. Anche dal punto di vista sociale le cose non andavano meglio. Le enormi tasse che colpivano soprattutto il commercio, rendeva la crescita di Londra quasi impossibile. A questo punto una coalizione formata da puritani (che miravano ad eliminare definitivamente le tradizioni cattoliche), la classe mercantile (che ovviamente bramavano dazi inferiori) ed i sostenitori del Parlamento insorsero provocando una vera e propria guerra civile. Carlo I nel 1646 capitolò per poi essere decapitato 3 anni più tardi.

Carlo I d'Inghilterra

Carlo I d’Inghilterra

Tra il 1649 ed il 1660 l’Inghilterra fu governata dal Commonwealth (che può essere tradotto come “Benessere Comune”), una sorte di unione politica formata dai rappresentanti delle maggiori forze che avevano portato alla caduta di Carlo I. Il Commonwealth non si fece molto scrupolo nell’applicare nuove leggi che fossero in linea con i propri affari o con le proprie convinzioni. Ad esempio in questo periodo i puritani riuscirono a far chiudere moltissimi teatri, fonte a loro giudizio di depravazione e peccato, e distrussero numerose chiese cattoliche.

Nel 1660 il Parlamento invitò il figlio di Carlo I a tornare al trono. Venne incoronato nel 1660 alla Royal Exchange con il nome di Carlo II. La situazione politica andò lentamente appianandosi, anche perch’ Carlo II, a differenza di suo padre f§ estremamente abile nel trattare con il Parlamento. Ad esempio fu proprio sotto il suo regno che si formarono i partiti politici Whig e Thory che ancora oggi rappresentano le due principali forze politiche inglesi.

A Carlo II succedette Giacomo II. Fu un sovrano di forte ispirazione cattolica tanto che una cospirazione (ricordata con il nome di Gloriosa Rivoluzione) lo obbligò ad abdicare in favore della sua seconda figlia e di suo marito, incoronato con il nome di Guglielmo III di’Inghilterra (o Guglielmo d’Orange).

Londra nel 600 tra peste ed incendi

La Londra della seconda metà del seicento era un luogo tutt’altro che salubre. Le acque del Tamigi sempre più inquinate, la sovrapopolazione e le abitudini igeniche tutt’altro che decorose fecero scoppiare nel 1665 una nuova epidemia di peste molto più grande di quella del medioevo. Si calcola che oltre 100.000 persone morirono in pochi anni. Ma mentre la città si stava lentamente riprendendo, il 2 settembre 1666 un enorme incendio (conosciuto come Great Fire o Grande Incendio) devasto buona parte della città. Inizialmente sembrava essere uno dei tanti incendi che ad intervalli quasi regolari scoppiavano nella città ma le condizioni climatiche particolarmente secche ed il vento fecero divampare l’incendio. Quando, quattro giorni più tardi l’incendio venne domato, era andata distrutta l’80% di Londra tra cui 88 Chiese (tra cui la cattedrale di St. Paul), 13.000 case ed il Parlamento. Sorprendentemente morirono solo 13 persone.

 Il Grande Incendio di Londra in un dipinto


Il Grande Incendio di Londra in un dipinto

L’incendio ebbe due conseguenze immediate: la prima fu quella di debellare definitivamente la peste (come si suol dire non tutto il male vien per nuocere); il secondo fu quello di permettere una ricostruzione dell’intera città. Architetti come Christopher Wren riuscirono a ridisegnare la nuova Londra che venne costruita con case in mattoni (e non più in legno), con strade ampie e piazze in grado di arginare eventuali futuri incendi.

Il dispendio di energie, mezzi ed, ovviamente, denaro fu ingente ma nel 1677 i lavori terminarono ufficialmente e Londra potè dedicarsi nuovamente al commercio. Nel 1700, solo 34 anni dopo il grande incendio, Londra era diventata nuovamente la città più ricca d’Europa e, con i suoi 600.000 abitanti, anche la più popolosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *