Informazioni generali
Facebook Fan Page Twitter Fan Page Google Plus Page FeedBurner

Le guide turistiche per i tuoi viaggi



Il 500 a Londra

Il 500 a Londra

Nel 1485 Enrico VII, della dinastia dei Tudor, venne incoronato re. Durante il suo regno Londra, che già era la città più ricca e fiorente d’Europa continuò a crescere raggiungendo il ragguardevole numero di 75.000 abitanti.

Ad Enrico VII succedette suo figlio Enrico VIII. Il suo fù un regno estremamente travagliato. Il suo discordia con l’autorità papale lo portò a far chiudere diversi monasteri ed abbazie che si trovavano nel territorio inglese. Le terre papali vennero confiscate e ridotte a riserve di caccia, i tesori utilizzati per scopi reali. Il motivo ufficiale del dissidio era dovuto al fatto che il papa si rifiutava di concedere ad Enrico VIII il divorzio dalla moglie Caterina D’Aragogna ed il permesso di sposare Anna Bolena, ma non pochi credono che il vero motivo fosse più legato a motivi economici che non affettivi. Le ricchezze papali potevano far comodo alle casse reali sempre in rosso a causa degli enormi e lussuosi castelli e palazzi che il re faceva costruire. Se a ciò si aggiungono le numerose decapitazioni di nemici politici (ma anche di due delle sue mogli tra cui la stessa Anna Bolena) e le persecuzioni perpetrate contro cristiani e protestanti si comprende come il regno di Enrico VIII sia considerato estremamente negativo.

Enrico VIII Tudor

Enrico VIII Tudor

Dopo due brevi periodi in cui regnarono Edoardo VI Tudor (di soli 10 anni) e Jane Gray (per soli 13 giorni) divenne regina Maria I, figlia dello stesso Enrico VIII e di Caterina d’Aragogna. Durante il suo breve regno la politica reale non cambiò molto. Le persecuzioni contro i cristiani continuarono anche se molti pensano contro la volontà della regina.

La regina Maria I

La regina Maria I

Alla sua morte salì al trono sua sorellastra Elisabetta I, figlia di Enrico VIII ed Anna Bolena. Durante il suo lungo regno (oltre 40 anni) le persecuzioni contro i cristiani continuarono ma la città di Londra prosperò raggiungendo i 200.000 abitanti. In questi stessi anni Londra divenne il più importante mercato mondiale enel 1572 aprì la Royal Exchange (la Borsa Reale).

Elisabetta I d'Inghilterra

Elisabetta I d’Inghilterra

Dal punto di vista culturale vale la pena sottolineare che la seconda metà del 500 è descritta dai più come una sorta di rinascimento letterario, noto con il nome di periodo Elisabettiano. Sono infatti di questi anni le opere teatrali di William Shakespeare e la costruzione di numerosi teatri che ancor oggi è possibile visitare a Londra.

Con la morte di Elisabetta I, avvenuta nel 1603, la dinastia dei Tudor rimase senza eredi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *